← Torna al blog

6 lezioni che abbiamo imparato dai siti di freebie

Pubblicato da Tom

Ieri abbiamo annunciato che i nostri kit di campioni di adesivi erano pronti per la spedizione. Non conoscevamo il mondo dei freebie in Internet. Dopo 2 ore dalla pubblicazione il primo sito di freebie ci ha agganciati e alle 2 del mattino hanno iniziato ad arrivare richieste su richieste. Ho pensato che forse si sarebbero fermati intorno ai 100-200 marchi e non ci sarebbero stati problemi. 24 ore dopo avevamo oltre 1.000 richieste.

È stata un'esperienza frustrante, ma la cosa migliore dell'essere sotto pressione è che ti costringe a imparare. Ecco cosa abbiamo imparato dal nostro incontro con il mondo degli omaggi.

Lezione #1: Fai attenzione alla parola "gratis"

I venditori amano la parola "gratis". Attira l'attenzione. Quello di cui non si rendono conto è che questa parola attira l'attenzione di persone che non vogliono pagare per il tuo prodotto. Con il senno di poi, avremmo potuto semplicemente dire "sono disponibili kit di campioni di adesivi" e omettere la parola incriminata.

Lezione #2: Automatizzare la creazione di kit di campioni

Fino a oggi, confezionavo a mano i kit di campioni di notte. Abbiamo abbandonato questo sistema. Abbiamo invece preso 10 dei nostri adesivi più originali, li abbiamo inseriti su 1 singolo foglio di materiale e stampato 1000 fogli di seguito. Mentre tagliamo i 1000 fogli, confezioniamo i kit e il processo è decisamente migliore. Lo svantaggio è che non siamo più in grado di scorrere Google Reader mentre la taglierina è in funzione.

Lezione #3: Spedizione di massa

Spedire 1000 kit di campioni uno alla volta non è divertente. Per fortuna possiamo spedirli in massa e inviarli velocemente a un costo inferiore. Questo tipo di spedizione non era in cima alla nostra lista di priorità, ma l'esperienza ci ha costretto a imparare a farlo in fretta. Era qualcosa che dovevamo comunque imparare, quindi è bello averla già pronta.

Lezione #4: Wufoo è sorprendente

Wufoo ci ha salvato la vita in tutto questo processo. Continuavo a modificare il modulo per la richiesta di campioni e alla fine ho aggiunto un contributo spese di 1 dollaro. Senza Wufoo sarebbe stato un incubo. L'integrazione con PayPal è stata semplice e tutti i nostri dati sono ben formattati e possiamo scaricarli facilmente. Abbiamo già iniziato a lavorare su un'app di gestione dei campioni che si integra anche con Wufoo.

Lezione #5: Addebita un extra, anche se piccolo

Dopo la richiesta numero 1.397 abbiamo finalmente deciso di addebitare 1 dollaro per ogni kit di campioni e immediatamente la gente ha iniziato a pagarci. Il volume delle richieste è diminuito e la qualità è aumentata. A proposito, anche i nostri campioni sono fantastici. Molti dei nostri clienti spendono più di 500 dollari per gli adesivi. 1 dollaro non è molto in percentuale.

Lezione #6: Cercare sempre il lato positivo

All'inizio eravamo frustrati dal fatto che più di 1000 richieste di campioni gratuiti potessero sovrastare le richieste dei nostri clienti. Volevamo far sapere ai nostri veri clienti che potevano chiedere campioni, ma il volume delle richieste è stato travolgente. Per noi non è possibile spedire 1000 campioni al giorno, per non parlare del fatto che è costoso.

Abbiamo avuto la tentazione di togliere dal nostro sito web ogni riferimento ai pacchetti di campioni, ma non volevamo capitolare. Abbiamo invece usato la confusione per imparare. Siamo più veloci, più efficienti e abbiamo anche dimostrato a più di 1000 persone che siamo persone cortesi.

In un certo senso, "cercare sempre il lato positivo" sta diventando il modus operandi di Sticker Mule. Finora ha funzionato bene e non abbiamo intenzione di cambiare la formula.

← Torna al blog

Ti piace questo post? Sottoscrivi via Twitter o RSS.