← Torna al blog

Immagini raster e vettoriali: qual è la differenza?

Pubblicato da Jeremy Wick

Le immagini raster sono composte da una serie di pixel, mentre le immagini vettoriali sono realizzate da percorsi matematici.

Perché questa differenza è importante e che cosa significa in realtà?

Cos'è un'immagine raster?

Un'immagine raster è un termine di computer grafica e fotografia digitale. Le immagini raster, anche chiamate immagini bitmap, rappresentano una griglia rettangolare di pixel.

Si possono vedere usando un riproduttore di bitmap o altri mezzi analoghi.

Come si aumenta la dimensione di un'immagine raster?

Supponiamo di avere un'immagine raster 300 x 300.

Mentre è facile rimpicciolire un'immagine, ingrandirla significa generalmente ridurne la risoluzione. Tuttavia, con gli strumenti di IA è possibile aumentare la risoluzione della tua grafica.

Prova a ingrandire la tua immagine gratuitamente con Upscale.

Cos'è un'immagine vettoriale?

Un'immagine o grafica vettoriale è un tipo di immagine definita su un piano, connessa dall'intersezione di linee e curve. Le forme sono definite da equazioni matematiche, motivo per cui le curve e i punti restano omogenei anche li ingrandisci o diminuisci.

Quali sono gli usi delle grafiche vettoriali?

Le grafiche vettoriali sono usate dagli artisti per creare loghi, illustrazioni e altri disegni da stampare su grandi superfici. Per questo motivo molti designer preferiscono convertire le loro immagini in vettoriale prima di stamparle.

Come si aumentano le dimensioni di un'immagine vettoriale?

Ora supponiamo di avere un'immagine vettoriale 300 x 300.

Poiché un'immagine vettoriale è realizzata da percorsi matematici, è possibile aumentare le dimensioni dell'immagine in base alle esigenze senza ridurne la qualità. Si potrebbero aumentare letteralmente le dimensioni a 3 milioni x 3 milioni e tutti i dettagli sarebbero comunque nitidi (supponendo che il computer sia in grado di gestire un file così grande).

Questa differenza di solito rende le immagini vettoriali l'opzione migliore, specialmente quando si tratta di stampa. Tuttavia ci sono occasioni in cui l'uso di immagini raster potrebbe essere consigliabile. Ad esempio le fotografie sono sempre immagini raster. La conversione di una fotografia in un'immagine vettoriale è possibile, ma di solito si traduce in una perdita di dettaglio.

Immagini raster e vettoriali a confronto

Confronto tra immagini raster e vettoriali

In questo caso è preferibile mantenere l'immagine in formato raster. Finché la risoluzione è di almeno 300 pixel per pollice, il risultato in stampa è abbastanza buono.

Vuoi stampare le tue immagini in adesivi? Prova qui >

È anche comune convertire le immagini vettoriali in immagini raster per renderle più accessibili sul web. Ad esempio, il logo standard di Google su Google.com è in realtà un file con estensione png, mentre il design è stato originariamente creato utilizzando un software di editing vettoriale. Il file con estensione png è molto piccolo (16kb) e consente di caricare rapidamente la pagina. Ma quando si tratta di stampa, Google utilizzerà una versione vettoriale del proprio logo.

Se per la stampa prevedi di utilizzare un logo, un testo o un'illustrazione ti consigliamo, se possibile, di trovare una versione vettoriale della grafica. Altrimenti, cerca di ottenere la versione con la più alta risoluzione possibile.

Quali sono i tipi di file raster comuni?

  • .png
  • .jpg o .jpeg
  • .gif
  • .tif
  • .psd

Quali sono gli editor comuni di immagini raster?

  • Adobe Photoshop
  • GIMP
  • Photo-paint

Quali sono i tipi di file vettoriali comuni?

  • .eps
  • .ai
  • .pdf
  • .svg
  • .sketch

Quali sono gli editor comuni di immagini vettoriali?

Come convertono le immagini raster in vettoriali?

Redraw è un servizio che aggiorna qualsiasi immagine raster in formato vettoriale per un prezzo forfettario di 26 €.

Basta caricare la tua grafica e fare il checkout. Entro poche ore invieremo una prova che ti mostrerà come sarà la tua nuova grafica. Puoi richiedere gratuitamente le modifiche alla prova fino a quando non sarai soddisfatto (o annullarla se non sei soddisfatto).

← Torna al blog

Ti piace questo post? Sottoscrivi via Twitter o RSS.